L'Unione Europea è profondamente scioccata e in lutto dopo gli attacchi terroristici a Parigi. Si tratta di un attacco contro tutti noi. Affronteremo questa minaccia insieme, con tutti i mezzi necessari e con incrollabile determinazione.

La Francia è una grande e forte nazione. I suoi valori di libertà, uguaglianza e fraternità hanno ispirato ed ispirano l'Unione Europea. Oggi noi ci schieriamo al fianco del popolo francese e del governo di Francia. Questo atto terroristico disprezzabile otterrà il risultato opposto di quello che si prefiggeva, che era dividere, spaventare e seminare odio.

Il bene è più forte del male. Faremo tutto ciò che è possibile fare a livello europeo per garantire la sicurezza della Francia. Faremo tutto ciò che è necessario per vincere l'estremismo, il terrorismo e l'odio.

Così e con queste parole il presidente della Commissione Jean-Claude Juncker ha manifestato la profonda commozione di tutta l'Europa per gli attacchi di Parigi.

Di seguito, anche la dichiarazione congiunta del commissario all'immigrazione Avramopoulos, del Ministro francese Cazeneuve e del Vice Primo ministro Schneider - in rappresentanza della presidenza lussemburghese del Consiglio dell'Ue - dopo gli attentati del 13 novembre. Oltre a parole di solidarietà e condanna, annunciano la riunione straordinaria del Consiglio "Giustizia e Affari interni" il 20 novembre, per dare una risposta europea forte e unitaria a quanto accaduto.

 

L'Unione Europea è profondamente scioccata e in lutto dopo gli attacchi terroristici a Parigi. Si tratta di un attacco contro tutti noi. Affronteremo questa minaccia insieme, con tutti i mezzi necessari e con incrollabile determinazione.

La Francia è una grande e forte nazione. I suoi valori di libertà, uguaglianza e fraternità hanno ispirato ed ispirano l'Unione Europea. Oggi noi ci schieriamo al fianco del popolo francese e del governo di Francia. Questo atto terroristico disprezzabile otterrà il risultato opposto di quello che si prefiggeva, che era dividere, spaventare e seminare odio.

Il bene è più forte del male. Faremo tutto ciò che è possibile fare a livello europeo per garantire la sicurezza della Francia. Faremo tutto ciò che è necessario per vincere l'estremismo, il terrorismo e l'odio.

Così e con queste parole il presidente della Commissione Jean-Claude Juncker ha manifestato la profonda commozione di tutta l'Europa per gli attacchi di Parigi.

Di seguito, anche la dichiarazione congiunta del commissario all'immigrazione Avramopoulos, del Ministro francese Cazeneuve e del Vice Primo ministro Schneider - in rappresentanza della presidenza lussemburghese del Consiglio dell'Ue - dopo gli attentati del 13 novembre. Oltre a parole di solidarietà e condanna, annunciano la riunione straordinaria del Consiglio "Giustizia e Affari interni" il 20 novembre, per dare una risposta europea forte e unitaria a quanto accaduto.

"Gli attacchi barbari del 13 novembre 2015 sono un attacco all'intera Europa. L'Europa ha la responsabilità storica di difendere i suoi valori fondamentali e di non cedere al terrore. L'Europa rimane unita nella solidarietà contro la violenza e l'odio.

Ci siamo incontrati stasera a Parigi per coordinare un'azione europea immediata, in risposta agli attacchi e per prevenire attentati futuri. I cittadini europei si aspettano dall'Europa una risposta rapida, concreta ed efficace.

In questo quadro, la Presidenza lussemburghese del Consiglio dell'Unione europea ha indetto, in coordinamento con la Francia, una riunione straordinaria del Consiglio "Giustizia e Affari interni" il 20 novembre a Bruxelles per dare una risposta europea forte e unitaria. Tra i temi all'ordine del giorno il PNR europeo, la questione delle armi da fuoco e il rafforzamento dei controlli alle frontiere esterne. Sottolineiamo la necessità urgente di decisioni rapide e operative, da mettere in atto in tempi brevi."

 

 

 

"Gli attacchi barbari del 13 novembre 2015 sono un attacco all'intera Europa. L'Europa ha la responsabilità storica di difendere i suoi valori fondamentali e di non cedere al terrore. L'Europa rimane unita nella solidarietà contro la violenza e l'odio.

Ci siamo incontrati stasera a Parigi per coordinare un'azione europea immediata, in risposta agli attacchi e per prevenire attentati futuri. I cittadini europei si aspettano dall'Europa una risposta rapida, concreta ed efficace.

In questo quadro, la Presidenza lussemburghese del Consiglio dell'Unione europea ha indetto, in coordinamento con la Francia, una riunione straordinaria del Consiglio "Giustizia e Affari interni" il 20 novembre a Bruxelles per dare una risposta europea forte e unitaria. Tra i temi all'ordine del giorno il PNR europeo, la questione delle armi da fuoco e il rafforzamento dei controlli alle frontiere esterne. Sottolineiamo la necessità urgente di decisioni rapide e operative, da mettere in atto in tempi brevi."

 

 

 

 

 

Archivio

Nel 2015 è previsto il lancio delle prime call afferenti ai nuovi programmi di cooperazione territoriale europea (ECT). La prima call di uno dei principali programmi ETC strand C (*), denominato URBACT III, programma interamente dedicato alla...
Centotrenta persone presenti in sala - cittadini delle più varie professionalità, rappresentanti del mondo delle imprese e della pubblica amministrazione - hanno preso parte alla due giorni di seminari gratuiti del 27 e 28 novembre sui...
E' in programma a Terni, il 27 e 28 novembre, la terza tappa del nuovo ciclo di incontri sul territorio organizzati per il 2014-2015 dal Dipartimento Politiche Europee, d’intesa con l’Istituto Europeo di Pubblica amministrazione (EIPA) e...
La vertenza AST, Acciai Speciali Terni, da questa estate è al centro dell'attenzione nazionale ed ha coinvolto anche l'Unione europea. In particolar modo, nelle ultime settimane, la decisione di ThyssenKrupp di avviare le procedure di...
Venerdì 10 ottobre Terni ospiterà il CCMI (Commissione consultiva sulle trasformazioni industriali) del Cese (Comitato Economico e Sociale Europeo, organo consultivo della Commissione, del Consiglio e del Parlamento Europeo). Il programma...
Dal primo luglio l'Italia assume la presidenza di turno del Consiglio dell'Unione Europea. Ma che cos'è il semestre e cosa significa in termini concreti? Ecco una spiegazione sintetica, ma completa! Durante questi sei mesi, in sostanza...
Nel 2014 il Governo Italiano ha dato avvio della Youth Guarantee (Garanzia Giovani), programma europeo per favorire l'occupabilità e l'avvicinamento dei giovani al mercato del lavoro. Si tratta di un percorso che prevede una serie di...
Viviamo tempi in cui la parola trasparenza sta tornando ad assumere un significato importante. Tutti noi vogliamo sapere dove finiscono i nostri soldi e come vengono impiegati dalle istituzioni, specie dopo che abbiamo pagato le tasse. Ad ogni livello....
Tante bandiere, tanti colori, tante informazioni sulle prossime elezioni europee hanno caratterizzato la Festa dell'Europa, organizzata sabaton 10 maggio nel nuovo parco di Corso del Popolo da Europe Direct Terni con la collaborazione del...
Una guida di 20 pagine sulle elezioni europee del 25 maggio è stata realizzata dal Centro Europe Direct di Terni in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Politiche dell'Università di Perugia. La guida, che sarà...
Sono due gli eventi in programma per le prossime settimane in vista delle Elezioni Europee 2014, organizzati a Terni dal centro Europe Direct in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Perugia, nell’...
Il ruolo del Parlamento Europeo, le novità introdotte dal Trattato di Lisbona, ciò che possiamo provare a cambiare con il nostro voto nel mese di maggio. Questi e tanti altri sono stati i temi in discussione giovedì nella sede...