La vertenza AST, Acciai Speciali Terni, da questa estate è al centro dell'attenzione nazionale ed ha coinvolto anche l'Unione europea.
In particolar modo, nelle ultime settimane, la decisione di ThyssenKrupp di avviare le procedure di mobilità per 537 lavoratori delle acciaierie, il 9 ottobre scorso, dopo il fallimento delle trattative con i sindacati e lo stesso Governo, ha coinciso con l'arrivo in città della CCMI (Commissione consultiva per le trasformazioni industriali) del CESE (Comitato Economico e Sociale Europeo) che nel quadro del semestre di Presidenza italiana del Consiglio dell'Unione aveva da tempo deciso di riunirsi a Terni per discutere di politiche industriali, in collaborazione con il Centro Europe Direct Terni.
 

La Commissione, presieduta da Carlos Trias Pinto, e della quale fa parte Enrico Gibellieri, esperto del settore siderurgico e fortemente legato al territorio ternano, si è riunita il 10 ottobre. I membri hanno incontrato, tra gli altri, le istituzioni locali: il sindaco Leopoldo di Girolamo e l'assessore regionale dell'economia Vincenzo Riommi. Questi ultimi, discutendo dell'impatto delle politiche industriali europee sul territorio, si sono fatti portavoce della situazione dell'Ast, ponendo forti critiche alle politiche europee sulla concorrenza. soprattutto per come applicate al settore industriale.

A seguito dell'incontro, il 13 ottobre, il presidente della CCMI Trias Pinto è intervenuto direttamente sulla vicenda AST , scrivendo una lettera ai commissari Almunia Joaquin e Nelli Feroci, rispettivamente Commissario europeo per la concorrenza e Commissario europeo per l'Industria e l'Imprenditoria, biasimando "le catastrofiche scelte della Commissione Ue per l'Acciaieria ternana".

La lettera si conclude con la richiesta alla Commissione di "ripristinare il precedente stato delle cose per TK AST" e "mettere in atto un reale dialogo sociale e civile tra le parti sociali e la comunità locale aiutandoli ad evitare qualsiasi azione che possa portare a drammatiche conseguenze economiche e sociali".
In data 31 ottobre è arrivata la risposta dei due commissari europei a Trias Pinto. Nelle lettere inviate al presidente della CCMI,  Nelli Feroci e Almunia Joaquin hanno sottolineato da un lato l’importanza del piano d’azione dell’acciaio della Commissione Europea, e dall’altro le regole della stessa riguardanti le fusioni aziendali. In particolare Almunia sostiene, dal canto suo, che nel caso dell’acquisizione Outokumpu /TK, il ruolo della Commissione è stato quello di “mantenere effettiva la competizione” in Europa nel settore di produzione dell’acciaio e che in tutti i passaggi  “la Commissione ha preso misure specifiche per assicurare che il futuro di AST come grande competitore nel settore dell’acciaio non fosse compromesso”. Il commissario uscente poi nella stessa lettera affronta il caso specifico riguardante la vertenza TK/AST  affermando di comprendere “la situazione di angoscia dei lavoratori” e che  le misure intraprese si inseriscono in un contesto generale di sofferenza del settore dell’acciaio. Almunia aggiunge che le  “ristrutturazioni industriali, dove necessario, sono il solo modo per mantenere competitive le grandi compagnie, sia nell’industria dell’acciaio che che nei settori sottostanti”. Il commissario uscente conclude assicurando di continuare a seguire “ tali questioni da vicino” .
Non resta che attendere l’inizio dei lavori della nuova Commissione Europea, in carica ufficialmente dal primo novembre e l’evolversi della questione Ast/Tk. 
Intanto i lavoratori dell’azienda ternana, dopo una giornata difficile a Roma, quando nella manifestazione del 29 ottobre sotto l'ambasciata tedesca sono stati coinvolti in alcuni scontri con la Polizia, si sono recati anche a Bruxelles. Qui hanno incontrato i parlamentari europei ai quali hanno consegnato un documento nel quale si chiede loro «di sostenere il ‘no’ ai licenziamenti e al contrario mettere in campo azioni alternative a partire dall’utilizzo dei contratti di solidarietà attraverso la riduzione degli orari di lavoro che rappresentano una via di uscita sostenibile da questa crisi» e che «ThyssenKrupp collochi l’Ast dentro una strategia di mercato e di competitività internazionale; i parlamentari europei si impegnino a garantire l’integrità del sito ternano in tutte le sue articolazioni produttive (caldo e freddo) a partire dall’obiettivo di tornare nel triennio ad una produzione di almeno 1,2 milioni di tonnellate di fuso, confermando l’assetto impiantistico con i due forni elettrici; il piano europeo per l’acciaio si doti di strumentazioni immediatamente operative in particolare a partire dai costi dell’energia, evitando un differenziale competitivo così ampio tra i diversi paesi europei e le diverse produzioni energivore».
Nel frattempo, l’attenzione si sposta già sul ministero dello sviluppo economico, dove il 6 novembre riprende il confronto sul caso AST.


Per approfondimenti:
http://www.europedirect.comune.terni.it/content/politiche-industriali-ue-istituzioni-locali-confronto-con-il-ccmi-del-cese

http://www.europedirect.comune.terni.it/sites/default/files/giornale_dellumbria_ast_rebus_vendita_tra_i_silenzi_delleuropa_2014-10-15_1413354367m2.pdf

 

Archivio

Finalmente arriva anche a Terni l’Infoday europeo su Erasmus+ il programma integrato per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport dell'Unione. L'appuntamento è domani, venerdì primo aprile al Caos...
Il primo aprile dalle 9 alle 14 è in programma a Terni un infoday su Erasmus +, il programma europeo integrato per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. La giornata informativa e formativa è...
Torna Cinema e Giovani dal 15 al 18 marzo al Caos-Centro Arti Opificio Siri, organizzato dal Centro Europe Direct Terni, Cinema e Scuola in collaborazione con l’AEDE (associazione europea degli insegnanti) ed il dipartimento promozione sistema...
Dopo cinque giorni di dibattiti, incontri e confronti si conclude oggi ad Orvieto, la trentasettesima seduta nazionale del Parlamento europeo dei Giovani. Per la prima volta in Umbria, l'associazione PEG (Parlamento europeo dei giovani) ha accolto...
 Inviati dell'ANSA per un giorno: la generazione Erasmus racconta l'Europa. E' il nome del concorso giornalistico promosso dall'Agenzia ANSA, con il supporto del Parlamento europeo, destinato ai giovani di età compresa tra i...
    Sarà la prima giornata informativa e formativa a Terni su Erasmus Plus: il programma europeo integrato per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. Venerdì primo aprile 2016  ore 9-14 - alla...
In anticipo rispetto al consueto, quest'anno l'assemblea generale del Parlamento Europeo dei Giovani di Orvieto non sarà un appuntamento per le sole scuole umbre. Per la prima volta, Palazzo del Popolo accoglierà infatti la seduta...
Dal primo febbraio al cinque, in 40 paesi e in oltre 200 città, si terrà la Settimana europea delle Startup 2016, organizzata dallo Startup Europe Team in collaborazione con la Commissione europea e il Comitato delle Regioni. Innumerevoli...
  Entro fine 2016, la rete europea dei servizi pubblici per l'impiego Eures cambierà. Dopo il via libera del Coreper - Comitato dei rappresentanti permanenti dei Paesi Ue – la proposta di riforma presentata dalla commissione...
Con l'anno che sta per finire, Europe Direct Terni vi ricorda che la Commissione europea ha pubblicato per il 2016, il nuovo bando d'invito a presentare proposte per Erasmus+ (EAC/A04/2015), relativo alle tre azioni chiave del Programma, le...
Studenti, operatori delle associazioni che si occupano di cooperazione internazionale, docenti universitari, rappresentanti delle istituzioni e molti cittadini interessati all'argomento. Con questi protagonisti e con questo pubblico il Centro...
Parlare di Europa fuori dall'Europa, per capire cosa stia facendo l'UE nel campo della cooperazione per lo sviluppo. E' un altro punto di vista per avere un quadro più completo su come si sta intervenendo per cercare di colmare, o...
“L'Unione Europea è profondamente scioccata e in lutto dopo gli attacchi terroristici a Parigi. Si tratta di un attacco contro tutti noi. Affronteremo questa minaccia insieme, con tutti i mezzi necessari e con incrollabile determinazione...
All'inizio del suo mandato, il presidente Juncker disse che quello sarebbe stato un nuovo inizio per l'Europa, e che la sua Commissione si sarebbe concentrata su dieci priorità politiche, che rappresentavano le principali sfide per la...
Domani mattina, mercoledì 28 ottobre, alle ore 11, nella sede del corso di laurea in Economia, nell'ex convento di San Valentino, sarà presentato il nuovo punto informazione del Centro Europe Direct all'interno del polo...
La Commissione ha annunciato oggi che il programma Erasmus+ metterà a disposizione per l'anno 2016 2,2 miliardi di euro per dare l'opportunità a quasi 600 000 giovani di studiare, formarsi, fare volontariato o partecipare a scambi e...
Nuovo programma di lavoro per Orizzonte 2020 E' stato varato oggi come piano e per i prossimi due anni, la Commissione europea si prepara ad investire circa 16 miliardi di euro nella ricerca e nell'innovazione garantendo nuove opportunit...
Un marchio di eccellenza più che di qualità, per accrescere e far emergere al meglio i finanziamenti regionali alla ricerca. E' la nuova trovata della Commissione europea per riconoscere e finanziare meglio i progetti più...
Perché sprecare il cibo in quantità enormi, quando – allo stesso tempo – ci sono milioni di persone che non hanno da mangiare? Su questa semplice e allo stesso tempo difficilissima questione (in quanto a soluzioni) si sono...
“Don't waste your future: costruire un'alleanza europea dei giovani e degli Enti Locali contro lo spreco alimentare e per il diritto al cibo”, è il titolo dell'iniziativa che si svolgerà domani, giovedì 1...