Sabato è la Giornata Europea delle Lingue (http://edl.ecml.at/Home/tabid/1455/language/it-IT/Default.aspx) istituita nel 2001 dal Consiglio d'Europa e che si tiene ogni 26 settembre dell'anno coinvolgendo grandi e piccini, senza distinzione. Dopo domani infatti, in tutta Europa, si terranno manifestazioni per celebrare la ricorrenza che festeggia la diversità linguistica di un continente che conta 24 lingue ufficiali, con circa 60 lingue regionali minoritarie e molte altre parlate da persone, provenienti da altre parti del mondo. Tanto che in tutti e ventotto i Paesi membri sono oltre duecento le lingue europee classificate e selezionate come tali.

Perché si celebra questa giornata?

Senza dubbio perché è un'opportunità per sensibilizzare all'ampia varietà di lingue in Europa, promuovere la diversità culturale e linguistica nonché incoraggiare le persone di tutte le età a imparare le lingue – soprattutto poiché parlarne più di una aiuta non solo a trovare con più successo lavoro ma in una prospettiva più avveduta anche ad allargare i mercati europei nel mondo.

Chi gestisce l'iniziativa?

La Giornata europea delle lingue è un'iniziativa come già detto del Consiglio d'Europa che rappresenta 800 milioni di europei. Vi partecipano molti istituti culturali e linguistici, associazioni, università e in particolare scuole.

Eventi

Fra i tanti in programma, corsi di lingua, giochi, dibattiti, conferenze, programmi radiofonici e tanto altro, perciò vi invitiamo a consultare il sito ufficiale, alla sezione eventi:http://edl.ecml.at/Home/tabid/1455/language/it-IT/Default.aspx

Intanto nell'attesa, vi proponiamo di scorrere le foto gallery di edizioni passate della Giornata Europea delle Lingue - http://edl.ecml.at/Events/PictureGallery2014/tabid/3135/language/it-IT/Default.aspx - ricordandovi che in Umbria l'appuntamento è con Expo Lingue, di Perugia (nella sezione news del nostro sito Europe Direct, troverete tutti i particolari).


Di seguito un estratto d'approfondimento sul Multilinguismo, come cardine dell'integrazione europea. Buona Lettura!

La politica dell’UE per il multilinguismo è imperniata su 2 punti:

  • proteggere la ricca diversità linguistica dell’Europa

  • promuovere l'apprendimento delle lingue.

Quali sono le lingue ufficiali dell'UE?

Attualmente sono 24: bulgaro, ceco, croato, danese, estone, finlandese, francese, greco, inglese, irlandese, italiano, lettone, lituano, maltese, olandese, polacco, portoghese, rumeno, slovacco, sloveno, spagnolo, svedese, tedesco e ungherese.

Ascolta alcuni esempi delle lingue ufficiali dell'UE

In quanto cittadino hai il diritto di usare una qualsiasi di queste lingue nella corrispondenza con le istituzioni dell'UE, che sono tenute a rispondere nella stessa lingua. Tutti i regolamenti e gli altri atti legislativi dell'UE sono pubblicati in tutte le lingue ufficiali ad eccezione dell'irlandese (attualmente solo i regolamenti adottati congiuntamente dal Consiglio dell'UE e dal Parlamento europeo sono tradotti in irlandese).

Anche i rappresentanti eletti al Parlamento europeo hanno il diritto di esprimersi in una qualsiasi delle lingue ufficiali.

Il sito quali lingue?

L'Unione europea pubblica le principali informazioni di carattere generale sulle sue politiche in tutte le lingue ufficiali, mentre gli altri contenuti sono disponibili nelle lingue dell'UE più diffuse.

Lingue regionali e minoritarie,

Nell'UE si contano oltre 60 lingue autoctone regionali o minoritarie, parlate da circa 40 milioni di persone, fra cui il catalano, il basco, il frisone, le lingue sami, il gallese e lo yiddish.

Se da un lato sono i governi nazionali a stabilire lo status giuridico di queste lingue e in che misura vadano sostenute, dall'altro la Commissione europea mantiene un dialogo aperto incoraggiando la diversità linguistica fin dove possibile.

Erasmus+, un nuovo programma dell’UE che abbraccia i settori dell’istruzione e della formazione, è una fonte potenziale di fondi per iniziative volte a tutelare e a promuovere l’insegnamento e l’apprendimento delle lingue minoritarie.

Apprendimento delle lingue

Uno degli obiettivi della politica del multilinguismo dell'UE è far sì che ogni cittadino europeo parli due lingue straniere oltre alla propria. Il modo migliore per raggiungere questo risultato sarebbe insegnare ai bambini due lingue straniere fin dalla prima infanzia. I dati indicano che ciò può accelerare l’apprendimento delle lingue e migliorare anche la conoscenza della lingua madre.

L'UE promuove l'apprendimento delle lingue perché:

  • migliori conoscenze linguistiche consentono a un maggior numero di persone di studiare e/o lavorare all’estero, e di migliorare le loro prospettive occupazionali

  • parlare altre lingue aiuta le persone provenienti da culture diverse a capirsi, un elemento essenziale in un’Europa multilingue e multiculturale

  • per operare in modo efficace in Europa, le imprese hanno bisogno di personale plurilingue

  • quello linguistico - traduzioni e interpretazione, insegnamento delle lingue, tecnologie per le lingue, ecc. - è uno dei settori economici che crescono più rapidamente.

Archivio

Sabato è la Giornata Europea delle Lingue (http://edl.ecml.at/Home/tabid/1455/language/it-IT/Default.aspx) istituita nel 2001 dal Consiglio d'Europa e che si tiene ogni 26 settembre dell'anno coinvolgendo grandi e piccini, senza...
Facciamo il punto. Dopo i mesi estivi e la rendicontazione di settembre, è tempo di tirare le fila del progetto Linking Cultures 3, finanziato dal programma UE Erasmus+ e che coinvolge la città di Terni. Si tratta di un’esperienza di...
  State pensando di richiedere fondi Ue? Che tipo di sovvenzioni assegna la Commissione europea a progetti specifici? Cosa si deve fare? E quali procedure? Sabato sera, a Perugia, lo spiegheranno gli eurodeputati Laura Agea e...
Con la riapertura dell'anno scolastico si riapre il dibattito sulla necessità di integrare e migliorare il sistema dell'istruzione in Europa, per formare i giovani e renderli competitivi sul mercato del lavoro: un obiettivo...
Una nuova analisi rivolta non solo ai tecnici sulle Politiche di coesione 2014-2020 , con particolare riguardo alla sostenibilità urbana ed alle politiche per le aree interne del nostro Paese. E’ il lavoro realizzato dagli architetti Paola...
I più bei musei del mondo, città favolose, un patrimonio architettonico sensazionale, paesaggi meravigliosi, compositori celebri, ristoranti raffinati e marchi   famosi: l'Europa possiede tutto questo . E' un...
Premiare le città più eco sostenibili d'Europa. Questo l'obiettivo del concorso European Green Leaf, rivolto a tutti i centri abitati che hanno tra i 20 e i 100 mila abitanti. Circa 3200 città in tutta Europa, tra cui 366...
Se ancora non siete stati ad Expo, ma lo avete già messo in programma, una visita al Padiglione dell'Unione Europea non può di certo mancare e se capitate nei paraggi, Europe Direct di Terni vi suggerisce di tenere a mente che fino al...
BRUXELLES – Dall'Erasmus agli stage, da nuovi prestiti d'onore ai programmi per finanziare start-up e attività di ricerca. Queste e tante altre opportunità dell'Unione per i giovani da scoprire e intercettare,...
Rientra nel POR FESR Umbria - il Programma Organizzativo Regionale, del Fondo Europeo di Sviluppo 2014-2020 - il nuovo bando dedicato alle piccole,medie e grandi imprese umbre, che abbiano un'idea per un progetto di ricerca industriale e di sviluppo...
Il 12 giugno 2015, la Commissione Europea ha adottato formalmente il programma di sviluppo rurale per l'Umbria, che fino al 2020 investirà 877 milioni di euro nel settore primario, coerentemente agli obiettivi comuni europei, in tema di...
“Europa e Italia: istituzioni, politiche e fonti d'informazione europee”, è il titolo del seminario organizzato dall'Ordine dei Giornalisti dell'Umbria in collaborazione con la Rappresentanza in Italia della Commissione...
Una Festa dell'Europa “in onda e in etere ” quest'anno, quella trasmessa dallo Europe Direct del Comune di Terni e condotta dai ragazzi delle scuole, in occasione della ricorrenza che più unisce i 28 Paesi dell'Unione. Per...
Anche a Terni si festeggia la Giornata dell'Europa, in occasione dell'anniversario della dichiarazione di Schuman, quest'anno con due giorni d'iniziative: tra venerdì 8 e sabato 9 maggio, il centro Europe Direct del Comune di...
Sabato  9 maggio 2015 è lo Europeday, il giorno di festa dell'Europa, a sessantacinque anni dalla dichiarazione Schuman: l'atto che ha segnato l'inizio del processo d'integrazione e che ha portato poi alla nascita...
Good Morning, Europa! L'undicesima priorità, è il tema del webradio concorso rivolto alle scuole secondarie di Terni e organizzato a partire dal novembre del 2014 dal gruppo Aede di Terni  e dal Centro Europe Direct...
La comunicazione è la principale sfida dell’Unione europea. Fin dal 2001, il Consiglio europeo e le altre istituzioni di Bruxelles si impegnano a cercare di ridurre la distanza dall’Unione europea, troppo spesso percepita come...
1224 ore d'apertura, 4060 contatti e 10 newsletter, con le informazioni e le notizie dall'Europa sul e per il territorio. Si chiude con questi dati il bilancio 2014 dell'Edic del Comune di Terni, al suo terzo anno di attività. Temi pi...
Una selezione ragionata e di facile consultazione degli inviti a presentare proposte dei finanziamenti comunitari a gestione diretta con scadenza 2015 è stata realizzata e pubblicata a cura del Centro Europe Direct di Firenze. La condividiamo qui...
È iniziato ufficialmente il 9 gennaio l'Anno europeo dello sviluppo 2015 (EYD2015), con una cerimonia di apertura nella Biblioteca Nazionale della Lettonia a Riga. L'incontro ha visto come protagonisti il primo ministro lettone, nonch...