l Consiglio europeo della ricerca (CER) annuncia i bandi per le sovvenzioni 2017, per un bilancio totale di circa 1,8 miliardi di euro. L'importo è il più elevato dalla sua istituzione, avvenuta nel 2007. È previsto anche un finanziamento annuale record, destinato ai giovani ricercatori, con un'esperienza post-dottorato dai due ai sette anni (sovvenzioni "starting grants")

                                                

Il Programma di lavoro 2017 del CER, redatto dal consiglio scientifico, è stato adottato ieri dalla Commissione europea e prevede il primo aumento del bilancio annuale del CER dal 2013 (1,75 miliardi di euro). Nel piano si prevede che per l'anno prossimo,  saranno 1070 i potenziali nuovi beneficiari  dei finanziamenti  CER nel quadro di tutte le sovvenzioni disponibili; inoltre, stando alle prime stime, queste sovvenzioni daranno lavoro ad ulteriori 6500 dottorandi, giovani ricercatori e altri membri dei rispettivi gruppi di ricerca.

Il primo bando per i proventi "starting grants" 2017 si chiuderà il 18 ottobre, mentre i bandi successivi, seguiranno come da calendario del programma di lavoro.

Carlos Moedas, Commissario per la Ricerca, la scienza e l'innovazione, ha dichiarato: "Il CER è una delle iniziative di maggior successo per l'Europa in termini di impatto scientifico, carriera dei ricercatori e innovazione. Per questo l'UE ha deciso di investire risorse crescenti in questo validissimo programma, molto apprezzato dagli scienziati di tutto il mondo. Con questo bilancio senza precedenti i bandi per le sovvenzioni del CER possono fornire ad un numero ancora maggiore di ricercatori l'opportunità di fare carriera e di realizzare le proprie ambizioni in Europa." 

Il professor Jean-Pierre Bourguignon, presidente del CER, ha dichiarato: "Il consiglio scientifico del CER dà costantemente priorità assoluta al sostegno dei nuovi ricercatori, destinando loro oltre i due terzi del suo bilancio annuale tramite le sovvenzioni "starting" e "consolidator". Consentendo ai ricercatori ambiziosi di raggiungere presto l'indipendenza, si contribuisce in modo sostanziale al pieno sviluppo della loro creatività. Il bilancio 2017 del CER è il più alto di sempre per i ricercatori con un'esperienza post-dottorato dai due ai sette anni, i cosiddetti "starter". Grazie a queste sovvenzioni quinquennali, un numero maggiore di ricercatori all'inizio della carriera in tutta Europa avrà una prospettiva a medio termine. Si tratta di un ulteriore passo avanti a sostegno dei giovani ricercatori." 

Le sovvenzioni del CER, che rientrano nel programma dell'UE per la ricerca e l'innovazione, Orizzonte 2020, sostengono ricercatori ambiziosi di tutto il mondo, disposti a realizzare i propri progetti di ricerca nei paesi dell'UE o associati. 

Al di là dell'importo dei finanziamenti, le novità del programma di lavoro 2017 sono: 

  • dati aperti: i beneficiari delle sovvenzioni del CER devono prendere le misure opportune per garantire un accesso aperto ai dati generati dal loro progetto, salvo che non decidano espressamente di non partecipare;

  • parità di genere: in primo luogo, si sottolinea l'obbligo per i beneficiari delle sovvenzioni del CER di adottare tutte le misure necessarie a promuovere le pari opportunità tra uomini e donne e a cercare di raggiungere l'equilibrio di genere in seno al personale assegnato al progetto. In secondo luogo, l'attuale finestra di ammissibilità dei richiedenti può essere ulteriormente prorogata per i congedi di maternità, se opportunamente documentati;

  • valutazione della ricerca finanziata dal CER: il CER continuerà a condurre un'analisi qualitativa dei risultati scientifici dei progetti che finanzia, con un'attenzione particolare alle potenziali scoperte. Attualmente vi è un'analisi simile in corso e i risultati dello studio pilota 2015 sulla valutazione qualitativa dei primi progetti finanziati dal CER che si sono conclusi saranno presentati in una conferenza stampa del CER a ESOF 2016 domani a Manchester. 

Contesto

Il Consiglio europeo della ricerca, istituito dall'Unione europea nel 2007, è la prima organizzazione europea che finanzia l'eccellenza nella ricerca d'avanguardia. Offre tre principali programmi di sovvenzioni: le sovvenzioni "starting grants" (fino a 1,5 milioni di euro ciascuna), le sovvenzioni "consolidator grants" (fino a 2 milioni di euro ciascuna) e le sovvenzioni "advanced grants" (fino a 2,5 milioni di euro ciascuna). Ogni anno seleziona e finanzia ricercatori ambiziosi e creativi di tutte le nazionalità e di tutte le età per realizzare progetti basati in Europa.

 

Il CER mira inoltre ad attrarre in Europa i migliori ricercatori del mondo e a oggi ha erogato finanziamenti a più di 6 500 ricercatori eccellenti in diverse fasi della loro carriera. I finanziamenti hanno contribuito anche al reclutamento di circa 30 000 membri dei gruppi di ricerca.

 

I beneficiari delle sovvenzioni del CER possono assumere talenti provenienti da tutto il mondo per le loro équipe di ricerca. Ciò è ulteriormente incoraggiato tramite una serie di accordi internazionali siglati con controparti non europee del CER, che incoraggiano i giovani ricercatori a fare visite a scopo di ricerca e ad unirsi temporaneamente alle équipe del CER in Europa. Finora sono stati firmati accordi con gli Stati Uniti (NSF), la Corea del Sud, l'Argentina, il Giappone, la Cina, il Sudafrica e il Messico.

Le sovvenzioni del CER sono ingenti, ma anche molto competitive (sono concesse al 10-15% dei richiedenti). Gli aggiudicatari possono utilizzare il denaro per assumere altri ricercatori e membri del gruppo di ricerca e coprire il 100% dei costi diretti dei progetti di ricerca per un periodo massimo di cinque anni.

Il CER è gestito da un organo indipendente, il consiglio scientifico, composto da 22 scienziati rinomati e presieduto dal presidente del CER, il professor Jean-Pierre Bourguignon. Ha un bilancio di oltre 13 miliardi di euro per il periodo 2014-2020 e fa parte del programma di ricerca e innovazione dell'UE, Orizzonte 2020, di cui è responsabile il Commissario europeo Carlos Moedas.

Insieme al programma di lavoro del CER, oggi la Commissione ha adottato anche il programma di lavoro aggiornato per il 2017 di altre parti di Orizzonte 2020.

Per saperne di più:

Programma di lavoro 2017 del CER

Sito Internet del CER

Progetti particolarmente brillanti finanziati dal CER

Programma quadro dell'UE Orizzonte 2020

Archivio

Nel 2015 è previsto il lancio delle prime call afferenti ai nuovi programmi di cooperazione territoriale europea (ECT). La prima call di uno dei principali programmi ETC strand C (*), denominato URBACT III, programma interamente dedicato alla...
Centotrenta persone presenti in sala - cittadini delle più varie professionalità, rappresentanti del mondo delle imprese e della pubblica amministrazione - hanno preso parte alla due giorni di seminari gratuiti del 27 e 28 novembre sui...
E' in programma a Terni, il 27 e 28 novembre, la terza tappa del nuovo ciclo di incontri sul territorio organizzati per il 2014-2015 dal Dipartimento Politiche Europee, d’intesa con l’Istituto Europeo di Pubblica amministrazione (EIPA) e...
La vertenza AST, Acciai Speciali Terni, da questa estate è al centro dell'attenzione nazionale ed ha coinvolto anche l'Unione europea. In particolar modo, nelle ultime settimane, la decisione di ThyssenKrupp di avviare le procedure di...
Venerdì 10 ottobre Terni ospiterà il CCMI (Commissione consultiva sulle trasformazioni industriali) del Cese (Comitato Economico e Sociale Europeo, organo consultivo della Commissione, del Consiglio e del Parlamento Europeo). Il programma...
Dal primo luglio l'Italia assume la presidenza di turno del Consiglio dell'Unione Europea. Ma che cos'è il semestre e cosa significa in termini concreti? Ecco una spiegazione sintetica, ma completa! Durante questi sei mesi, in sostanza...
Nel 2014 il Governo Italiano ha dato avvio della Youth Guarantee (Garanzia Giovani), programma europeo per favorire l'occupabilità e l'avvicinamento dei giovani al mercato del lavoro. Si tratta di un percorso che prevede una serie di...
Viviamo tempi in cui la parola trasparenza sta tornando ad assumere un significato importante. Tutti noi vogliamo sapere dove finiscono i nostri soldi e come vengono impiegati dalle istituzioni, specie dopo che abbiamo pagato le tasse. Ad ogni livello....
Tante bandiere, tanti colori, tante informazioni sulle prossime elezioni europee hanno caratterizzato la Festa dell'Europa, organizzata sabaton 10 maggio nel nuovo parco di Corso del Popolo da Europe Direct Terni con la collaborazione del...
Una guida di 20 pagine sulle elezioni europee del 25 maggio è stata realizzata dal Centro Europe Direct di Terni in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Politiche dell'Università di Perugia. La guida, che sarà...
Sono due gli eventi in programma per le prossime settimane in vista delle Elezioni Europee 2014, organizzati a Terni dal centro Europe Direct in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Perugia, nell’...
Il ruolo del Parlamento Europeo, le novità introdotte dal Trattato di Lisbona, ciò che possiamo provare a cambiare con il nostro voto nel mese di maggio. Questi e tanti altri sono stati i temi in discussione giovedì nella sede...