Facciamo il punto. Dopo i mesi estivi e la rendicontazione di settembre, è tempo di tirare le fila del progetto Linking Cultures 3, finanziato dal programma UE Erasmus+ e che coinvolge la città di Terni. Si tratta di un’esperienza di collaborazione transnazionale pregressa, avviata nel 2012 attraverso il precedente programma comunitario Gioventù in Azione;  dopo il lancio  e la proposta di progetto del  comune danese di Holbaek , si sono aggiunti dietro al capofila altri progetti complementari candidati nel 2013 dal partner lettone città di Kekava, fino a chiudere il cerchio nel 2014, con la candidatura del Comune di Terni.

MA COS'E' LINKING CULTURES?A inizi luglio 2015 ha avuto conclusione il progetto di scambio trilaterale fra giovani europei supportati da enti pubblici ed associazioni che formalmente hanno candidato il progetto sviluppandone congiuntamente i contenuti.

Perché parlare di  Linking cultures 3, come uno tra i tanti progetti finanziati dall’Unione Europea? Cos'ha di differente dagli altri? Perché Linking Culture 3 coniuga tenacia, curiosità e voglia di mettersi in gioco di tanti ragazzi europei, a cui si aprono interessanti collaborazioni e scenari e per taluni anche una modalità di fare della collaborazione con i giovani una vera e propria attività professionale. Questo anche grazie a metodi innovativi e creativi di partecipazione, alla base dei progetti di collaborazione transnazionali europei.

Progetti tutti incentrati sulla creazione di percorsi di apprendimenti non formali legati a diversi aspetti e politiche su cui i giovani hanno molto da dire. Partendo dalla cultura ai media fino a giungere, con Linking Cultures coordinato dal Comune di Terni, a ipotesi di riutilizzo e riappropriazione di taluni spazi urbani dismessi da parte delle comunità locali e delle istituzioni; tematica importante che accomuna oggi moltissime città europee e su cui sovente il dibattito tra i giovani è molto vivace.

Come accennato, interessante è anche la metodologia sviluppata dal progetto Linking Cultures 3; elemento su cui a Commissione Europea e le Agenzie Nazionali Giovani, che per ciascun paese selezionano i progetti, puntano ed indicano quale valore aggiunto per rafforzare l’esperienza transnazionale dei giovani europei. Tale metodologia si basa su tre canali: educazione formale (la scuola), educazione informale (la famiglia) e metodi non formali (attività con obiettivo specifico). Tale metodologia consente di fissare alcuni obiettivi, in virtù dei quali cominciano a svilupparsi e profilarsi differenti soluzioni a cui lo schema razionale convenzionale, non sempre riesce a fornire la soluzione appropriata. In questo processo viene coinvolto un team building che cooperi e condivida visioni, opinioni e prospettive seppur nella loro differenza, ma con un approccio pratico e creativo.  In tutto questo processo l’inglese è fondamentale e a far la differenza talvolta è anche l'inclusione dell’nterculturalità del gruppo, che incrementa  la conoscenza reciproca e la mobilità verso l'altro così come l'orgoglio dell'appartenenza che si esalta e che aggrega.


 

Erasmus+ Project Results Platform: LA NUOVA PIATTAFORMA UE PER LO SCAMBIO DATI E IL MONITORAGGIO DEI RISULTATI SUI PROGETTI ERASMUS+

Va infine rilevato che la Commissione Europea ha di recente avviato una grossa operazione di comunicazione rendendo noti le sintesi dei progetti ed i risultati attraverso la costituzione della " Erasmus+ Project Results Platform" riferita all’intero Programma Erasmus+ per Educazione, Formazione, Gioventù e Sport.

Si tratta di un’operazione di apertura niente affatto scontata dal momento che si tratta di una piattaforma per la diffusione e valorizzazione dei risultati; espressione che nella progettazione europea sottende molto più che un beneficio a breve termine quanto prodotti, competenze e servizi tangibili con effetti a lungo termine per chi attua il progetto e per la comunità in generale.

Vai a vedere di cosa si tratta, accedendo direttamente alla pagina Facebook di LC3: https://www.facebook.com/LInking-Cultures-579220048764377/timeline/

Accedi direttamente alla Erasmus+ Project Results Platform: http://ec.europa.eu/programmes/erasmus-plus/projects/ 

 

 

 


 

 

 

Archivio

Nel 2015 è previsto il lancio delle prime call afferenti ai nuovi programmi di cooperazione territoriale europea (ECT). La prima call di uno dei principali programmi ETC strand C (*), denominato URBACT III, programma interamente dedicato alla...
Centotrenta persone presenti in sala - cittadini delle più varie professionalità, rappresentanti del mondo delle imprese e della pubblica amministrazione - hanno preso parte alla due giorni di seminari gratuiti del 27 e 28 novembre sui...
E' in programma a Terni, il 27 e 28 novembre, la terza tappa del nuovo ciclo di incontri sul territorio organizzati per il 2014-2015 dal Dipartimento Politiche Europee, d’intesa con l’Istituto Europeo di Pubblica amministrazione (EIPA) e...
La vertenza AST, Acciai Speciali Terni, da questa estate è al centro dell'attenzione nazionale ed ha coinvolto anche l'Unione europea. In particolar modo, nelle ultime settimane, la decisione di ThyssenKrupp di avviare le procedure di...
Venerdì 10 ottobre Terni ospiterà il CCMI (Commissione consultiva sulle trasformazioni industriali) del Cese (Comitato Economico e Sociale Europeo, organo consultivo della Commissione, del Consiglio e del Parlamento Europeo). Il programma...
Dal primo luglio l'Italia assume la presidenza di turno del Consiglio dell'Unione Europea. Ma che cos'è il semestre e cosa significa in termini concreti? Ecco una spiegazione sintetica, ma completa! Durante questi sei mesi, in sostanza...
Nel 2014 il Governo Italiano ha dato avvio della Youth Guarantee (Garanzia Giovani), programma europeo per favorire l'occupabilità e l'avvicinamento dei giovani al mercato del lavoro. Si tratta di un percorso che prevede una serie di...
Viviamo tempi in cui la parola trasparenza sta tornando ad assumere un significato importante. Tutti noi vogliamo sapere dove finiscono i nostri soldi e come vengono impiegati dalle istituzioni, specie dopo che abbiamo pagato le tasse. Ad ogni livello....
Tante bandiere, tanti colori, tante informazioni sulle prossime elezioni europee hanno caratterizzato la Festa dell'Europa, organizzata sabaton 10 maggio nel nuovo parco di Corso del Popolo da Europe Direct Terni con la collaborazione del...
Una guida di 20 pagine sulle elezioni europee del 25 maggio è stata realizzata dal Centro Europe Direct di Terni in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Politiche dell'Università di Perugia. La guida, che sarà...
Sono due gli eventi in programma per le prossime settimane in vista delle Elezioni Europee 2014, organizzati a Terni dal centro Europe Direct in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Perugia, nell’...
Il ruolo del Parlamento Europeo, le novità introdotte dal Trattato di Lisbona, ciò che possiamo provare a cambiare con il nostro voto nel mese di maggio. Questi e tanti altri sono stati i temi in discussione giovedì nella sede...