Il blogger saudita Raif Badawi, l'opposizione democratica in Venezuela e l'esponente dell'opposizione politico russo Boris Nemtsov assassinato in febbraio sono i tre finalisti del Premio Sakharov 2015 per la libertà di pensiero, dopo una votazione nel corso di una riunione congiunta delle commissioni per gli Affari Esteri e per lo Sviluppo e della sottocommissione per i Diritti umani. Il vincitore sarà deciso dal Presidente del PE e i leader dei gruppi politici il 29 ottobre.

"Abbiamo tre candidati eccezionali, con tutte le qualità per diventare il prossimo Premio Sakharov", ha detto Valenciano, presidente della sottocommissione per i Diritti umani dopo il voto. Elmar Brok, presidente della commissione per gli Affari esteri, ha aggiunto che la scelta di Badawi sottolinea che "che il PE la libertà di espressione", che il sostegno dell'opposizione venezuelana "è un messaggio per sostenere un processo democratico in Venezuela", e che la selezione dei "Boris Nemtsov, assassinato in Russia per far parte dell'opposizione, mostra che la nostra posizione per lo sviluppo dei diritti umani in Russia".

I tre candidati finalisti per il 2015 premio Sakharov sono:

Raif Badawi blogger saudita e autore del sito web Free Saudi Liberals. Fu arrestato nel 2012 e condannato a 10 anni di carcere, 1.000 frustate e una multa per aver insultato i valori islamici sul internet. Ha ricevuto la prima serie di 50 frustrate nel gennaio 2015, il resto sono state rinviate in seguito alle proteste internazionali. Badawi è stato nominato da S&D, ECR e i Verdi. Durante la presentazione ufficiale dei candidati a fine settembre il deputato italiano Pier Antonio Panzeri (S&D) ha dichiarato: "Non riesco a immaginare che qualcuno possa essere legato in pubblico e frustrato solo per essere stato coraggioso e aver espresso la propria opinione. Nominando Raif Badawi vogliamo onorare tutti coloro che lottano per la libertà di espressione nel mondo".
"Il gruppo ECR sostiene la candidatura" ha sottolineato la deputata polacca del gruppo ECR,
Anna Fotyga. Il deputato ungherese dei Verdi Tamás Meszerics ha dichiarato che in quanto blogger in uno dei sistemi più repressivi al mondo, Badawi è un simbolo della lotta per la libertà di parola. "L'Europa non può più rimanere in silenzio quando di fronte alla tortura o alla morte solo per aver espresso le proprie idee in Arabia Saudita".

Mesa de la Unidad Democrática del Venezuela

L'opposizione democratica in Venezuela è rappresentanta dalla Mesa de la Unidad Democrática e dai prisioners politici, nominati dal PPE e dai deputati Fernando Maura Barandiarán e Dita Charanzová. La Mesa de la Unidad Democrática è una coalizione elettorale formata nel 2008 per consolidare l'opposizione al partito del presidente Hugo Chávez. I politici, gli studenti e altri leader dell'opposizione sono stati arrestati o agli arresti domiciliari per aver esercitato il loro diritto alla libertà. Il deputato spagnolo Luis de Grandes Pascual per conto del PPE: "Mentre il governo (in Venezuela) è stato eletto democraticamente, al momento esercita un controllo totalitario sulla popolazione. Questo gruppo collettivo fa parte dell'opposizione democratica in Venezuela che lotta e combatte per esercitare i propri diritti". Il deputato spagnolo di ALDE Fernando Maura Barandiarán ha affermato che l'assegnazione del premio Sakharov per l'opposizione democratica sarebbe un modo di sostenere e di fornire una protezione al movimento.

Boris Nemtsov è stato un fisico russo, ex vice Primo Ministro e politico dell'opposizione assassinato a Mosca nel febbraio 2015. È stato nominato da ALDE.
Il deputato estone di ALDE
Urmas Paet: "Si tratta di una personalità di spicco della società civile russa che ha lavorato per una Russia democratica, prospera e pacifica. (...) In qualità di leader dell'opposizione e attivista della società civile ha lavorato per denunciare la corruzione e abuso di potere politico in Russia. (...) E ha pagato con la sua vita ".

Il Parlamento europeo sostiene i diritti umani

Il rispetto dei diritti umani è uno dei valori fondamentali dell'Unione europea. Qualsiasi violazione di tali diritti, tanto all'interno quanto all'esterno dell'UE, pregiudica i principi democratici su cui la nostra società si fonda.  Il Parlamento europeo lotta contro tali violazioni con iniziative legislative, tra cui l'osservazione delle elezioni, le discussioni mensili sui diritti umani a Strasburgo e l'inclusione dei diritti umani nei suoi accordi commerciali esterni.

Il Parlamento europeo sostiene anche i diritti umani con il Premio annuale Sacharov per la libertà di pensiero, istituito nel 1988.  Il premio viene assegnato a persone che abbiano contribuito in modo eccezionale alla lotta per i diritti umani in tutto il mondo e attira l'attenzione sulla violazione dei diritti umani oltre a sostenere i vincitori e la loro causa.

Archivio

Giovedì 10 ottobre un seminario a Foligno con Regione, Università e la collaborazione dell’Edic Terni Una guida che si propone di chiarire, in maniera ampia e con l'indicazione di molti esempi pratici, le condizioni e le modalit...
Ad Assisi l’avvio del dibattito umbro sul futuro dell’Unione  ed il punto sulle nuove opportunità offerte dall’UE sul territorio. Il 18 novembre 2013 ad Assisi si svolgerà l'evento dal titolo “L’Europa...
EUROPE DIRECT TERNI DISCUSSES WITH A GEOARGIAN DELEGATION ON DECENTRALIZATION AND URBAN SUSTAINABLE PROJECTS On 14 May 2013 in frame of an EU funded initiative (European Neighboring policy) coordinated by META Group, the Europe Direct Terni (Region...
Incontro a Palazzo Spada alle ore 16 Scarica il programma
The City Council of Terni and a wide inter-regional partnership were selected as Italy’s second best in the 2010 EDEN award “acquatic tourism” and specifically lake and riverside destinations. On 7th June, Terni went a step further...
I presidenti di 21 paesi dell'Unione europea hanno sollecitato, in un appello congiunto, a partecipare alle elezioni europee del 26 maggio, a sostegno di una Ue "forte e con istituzioni comuni efficaci". L'appello, promosso dal...