Nuovo programma di lavoro per Orizzonte 2020

E' stato varato oggi come piano e per i prossimi due anni, la Commissione europea si prepara ad investire circa 16 miliardi di euro nella ricerca e nell'innovazione garantendo nuove opportunità di finanziamento in linea alle priorità della Commissione presieduta da Jean -Claude Juncker e che contruibuiranno ad ampliare le risorse destinate al pacchetto per l'occupazione, la crescita e gli investimenti, il mercato unico digitale, all'Unione dell'energia e alle politiche in materia di cambiamenti climatici, al mercato interno e a consolidare il ruolo di attore globale dell'Europa.

Carlos Moedas, Commissario per la ricerca, la scienza e l'innovazione, ha dichiarato: "La ricerca e l'innovazione sono i motori del progresso europeo e sono fondamentali per affrontare le nuove sfide urgenti come l'immigrazione, i cambiamenti climatici, l'energia pulita e la tutela della salute nella società. Nei prossimi due anni, 16 miliardi di euro provenienti da Orizzonte 2020 sosterranno l'impegno scientifico di alto livello dell'Europa, contribuendo a cambiare la vita dei cittadini."

Così, Orizzonte 2020 si aprirà all'innovazione, alla scienza e al mondo attraverso una serie di inviti a presentare proposte, appalti pubblici e altre azioni come i premi Horizon, che nel complesso coprono quasi 600 temi. La struttura del programma riflette la flessibilità generale di Orizzonte 2020, che si concentra sulle priorità a lungo termine dell'Unione europea e sulle sfide più urgenti per la società, per consentirle di affrontare rapidamente i problemi emergenti, quali focolai di malattie.

Il programma sosterrà una serie di iniziative trasversali, come l'ammodernamento dell'industria manifatturiera europea (1 miliardo di euro); le tecnologie e le norme per la guida automatica (più di 100 milioni di euro); internet degli oggetti (139 milioni di euro) per sostenere la digitalizzazione delle industrie dell'UE; Industria 2020 e l'economia circolare (670 milioni di euro) per sviluppare economie forti e sostenibili; città intelligenti e sostenibili (232 milioni di euro) per migliorare l'integrazione delle reti ambientali, digitali, dei trasporti e dell'energia negli ambienti urbani dell'UE.

Almeno 8 milioni di euro di finanziamento, inoltre, saranno destinati alla ricerca in materia di sicurezza delle frontiere esterne dell'UE per migliorare le procedure di identificazione e prevenire il traffico e la tratta di esseri umani; 27 milioni di euro saranno destinati alle nuove tecnologie per prevenire la criminalità e il terrorismo e 15 milioni di euro saranno destinati alla ricerca sull'origine e l'impatto dei flussi migratori in Europa. Il nuovo programma di lavoro si baserà inoltre sui successi nella ricerca in campo sanitario, come le  scoperte rivoluzionarie sull'Ebola rese possibili anche dai finanziamenti di Orizzonte 2020, investendo 5 milioni di euro per far fronte ai focolai critici di Xylella fastidiosa, il batterio che attacca gli olivi.


Il piano biennale fino al 2017

Il nuovo programma di lavoro prevede un gettito di fondi da parte della Commissione, da dispensare fino al 2017 di cui, una parte, a fronte di una maggiore disponibilità di fondi per le imprese innovative grazie alle nuove opportunità di mobilitazione delle risorse sostenute dal Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS); un'altra, in aggiunta agli oltre 740 milioni di euro destinati a sostenere le attività di ricerca e innovazione in quasi 2 000 piccole e medie imprese (PMI). Ci si impegnerà ulteriormente per migliorare le sinergie con altri programmi di finanziamento dell'UE, come sottolineato dal Presidente Juncker nel suo discorso sullo stato dell'Unione, nonché per fornire indicazioni più chiare e criteri d'impatto ai ricercatori che presentano le domande.

Che cos'è Horizon 2020 ?

Il programma di finanziamento dell'Unione europea per la ricerca e l'innovazione Orizzonte 2020 è stato varato il 1º gennaio 2014. In sette anni circa 77 miliardi di euro saranno investiti in progetti di ricerca e innovazione per sostenere la competitività economica dell'Europa e ampliare le frontiere del sapere umano. Il bilancio UE per la ricerca mira in gran parte a migliorare le condizioni di vita dei cittadini in settori come la sanità, l'ambiente, i trasporti, l'alimentazione e l'energia. I partenariati di ricerca con l'industria farmaceutica, aerospaziale, automobilistica ed elettronica promuovono a loro volta gli investimenti del settore privato a sostegno della crescita futura e della creazione di posti di lavoro altamente qualificati.


 


 


 

Archivio

Idee rivoluzionarie. Nuovi sistemi che migliorino logistica e gestione, la tutela dell'ambiente e trovate in grado di cambiare il mondo. Ecco cosa finisce ogni anno, sotto la lente dell'Innovation Radar - https://ec.europa.eu/digital-single-...
l Consiglio europeo della ricerca (CER) annuncia i bandi per le sovvenzioni 2017, per un bilancio totale di circa 1,8 miliardi di euro. L'importo è il più elevato dalla sua istituzione, avvenuta nel 2007. È previsto...
Preoccupa il possibile riconoscimento ad «economia di mercato» della Cina. Soprattutto, ad essere intimorito l'intero comparto della siderurgia europea, provato dalla sovraccapacità nel settore del gigante asiatico. Una questione...
II 2016 è l’anno del Ventennale del Servizio Volontario Europeo, opportunità di mobilità e apprendimento che l’Unione Europea offre ai giovani fra i 17 e i 30 anni.          ...
Un mese di festeggiamenti ed iniziative, che quest'anno hanno reso la festa dell'Europa - a Terni - senza fine. Da sabato 7 maggio a venerdì 27, sei differenti eventi per raccontare di più l'Unione e le sue ricadute...
"Maggio, festa d'Europa" è una mostra di quarantuno tavole - realizzata diciassette anni fa, per il Cantamaggio ternano 1999 - e che Edic Terni ha rispolverato e riproposto, per la festa dell'Europa 2016....
Da qui al 2020, tra i tanti piani messi a punto dall'Unione ce ne sarà uno che farà la differenza più degli altri. Meno noto, ancora in via di definizione su certi aspetti ma incomparabile rispetto ad altri e al passato, per...
Sai che in Europa, ci sono oltre 2 milioni di posti di lavoro non occupati, per mancanza  di professionalità scientifiche e tecnologiche? Tanto per farsi un'idea, un dato che corrisponde a 25 stadi vuoti. Da questa cifra, incrociata...
Un'occasione per riappropriarsi di una parte importante della memoria storica della città e anche per capire come funzionano i finanziamenti europei, in particolare come vengono impiegate le risorse del Por-Fesr: venerdì 27 maggio,...
Dal 1300 Palazzo Carrara non ha mai smesso di avere una sola ed unica identità. Dietro una stessa facciata, altre mille facce che l'hanno visto dimora residenziale prima, sede municipale e biblioteca comunale poi. Ed ora, dopo sette secoli...
Partendo dai risultati dell'Indice di digitalizzazione dell'economia e della società dell'UE pubblicato a febbraio, oggi la Commissione pubblica la relazione sulla performance digitale degli Stati membri dell'UE.La Commissione ha...
La Commissione europea ha pubblicato oggi la relazione sull’applicazione della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea nel 2015. Il documento offre una panoramica del modo in cui i diritti fondamentali sono stati applicati in una...
   La Commissione europea ha aperto una nuova inchiesta «sulle importazioni di prodotti piatti, in acciaio laminato a caldo, provenienti dalla Cina». Un'ulteriore indagine per tentare di ristabilire eque condizioni di scambio...
Dopo la festa multietnica con cui si è aperta la manifestazione e la consueta Giornata europea della Scuola, ora tocca ad "Io sono l'Europa", l'evento cardine del "Maggio d'Europa" Europe Direct Terni...
"La pace mondiale non potrà essere salvaguardata se non con sforzi creativi, proporzionali ai pericoli che la minacciano" – così ha esordito Robert Schuman, allora ministro degli esteri francese, nella dichiarazione del 1950...
Parlare d’Europa, della sua storia, della sua identità sempre più in discussione, delle sue crisi, del suo futuro e delle sue opportunità. Sono gli obiettivi del “Maggio d’Europa”, il calendario d’...
  Educare alla legalità, come una vera e propria materia. Al di là di cattedre e dei voti. Per farlo, a Terni è venuto anche l'Anac: l'Autorità nazionale anticorruzione. Ospite dell'Istituto Tecnico...
  Europeana è la grande biblioteca digitale europea.  «Una Wikipedia culturale d'Europa» che dal 2008 raccoglie oltre 50 milioni di libri, dipinti, film, oggetti museali, fotografie e documenti d'archivio...
    Grazie ad Erasmus Plus, lo scambio tra Terni e Reims (Francia) si consolida con un certificato professionale europeo     La mobilità professionale europea anche a Terni Una malta diversa dal solito, che amalgama l...
«Dal 1987, la parola Erasmus non solo è entrata a far parte del linguaggio universale europeo, ma è divenuta sinonimo di una certa gioventù. Sempre in movimento e cosmopolita, che a Roma come a Parigi, Madrid o Berlino sceglie...