Pubblicazione a cura di Massimo Bartoli, Docente di diritto internazionale, Dipartimento di Scienze Politiche, Università degli Studi di Perugia

Nella Carta dei Diritti fondamentali dell’UE e nelle politiche dell'Unione è garantito un livello elevato di protezione dei consumatori. Tra gli strumenti individuati dalla Commissione si inserisce anche la piattaforma ADR-ODR per la risoluzione online delle controversie dei consumatori  contribuendo al rafforzamento dei meccanismi di fiducia tra imprese e consumatori che, relativamente al commercio elettronico, stentano ancora a consolidarsi in maniera omogenea nel mercato unico europeo. Pubblicazione a cura di Massimo Bartoli, Docente di diritto internazionale, Dipartimento di Scienze Politiche, Università degli Studi di Perugia.

Nuova edizione del 2017 aggiornata dagli autori e con nuovi contributi sulla base delle tematiche trattate all’interno dei laboratori FISE Terni, nell’ambito del piano di comunicazione del centro Europe Direct Terni.
Con i contributi di: Fabio Raspadori, Il principio di prossimità e gli enti del territorio strumenti didemocratizzazione e consolidamento dell’Unione europea - Massimo Bartoli, Europa e città. L’emersione del fattore urbano nelle politiche territoriali dell’Unione europea - Paola Amato, Dimensione urbana e ruolo delle città nelle politiche di coesione 2014-2020 - Giorgio Armillei, L'Umbria e le politiche urbane: la strategia di Terni Narni Smart Land - Marco Lopopolo, Progettare e realizzare città migliori, campi applicativi di utilizzo dei fondi europei nel ternano.
 

Una prima sintetica trattazione sulle politiche di prossimità del cittadino nell'UE, a cura del Dipartimento di Scienze Politiche dell'Università di Perugia. Una pubblicazione nell'ambito delle attività di comunicazione del Centro Europe Direct Terni 2016.

Questa pubblicazione, curata dagli architetti Paola Amato (Edic Terni) e Donatella Venti, costituisce il 6° e ultimo aggiornamento (fine 2017) di un lavoro specialistico cominciato durante la fase pre-negoziale sui fondi strutturali e di investimento della Programmazione 2014-2020 avviata dagli Stati Membri con la Commissione europea attraverso diversi canali ed attori/stakeholders. A partire dal 2014 tutto il materiale sotto forma di approfondita e sistematica stesura è divenuto lo spunto per una pubblicazione specialistica dello Europe Direct Terni in ragione soprattutto del ruolo che gli Europe Direct hanno oggi nel fornire generali informazioni sulla partita dei fondi strutturali e di investimento (fondi di coesione e fondi di sviluppo rurale e agricoltura/pesca).

...

La relazione di Massimo Bartoli (Università degli Studi di Perugia, docente di Diritto Internazionale - Lecturer in "EU Employment & Development Law and Policies" Eu Law Jean Monnet Chair - EUREL Project) in occasione dell'evento organizzato dal centro Europe Direct Terni in collaborazione con Arci Umbria sull'Agenda Migranti dell'Unione Europea.
 

Nell’ambito del Laboratorio FISE - Terni è maturata la decisione di somministrare un breve questionario ad un gruppo di studenti universitari del Dipartimento di Economia sede di Terni dell'Università di Perugia, con lo scopo di avere un orientamento d’opinione su alcune delle tematiche europee più critiche. Sono state raccolte le risposte di 105 studenti che frequentano il terzo anno del corso di laurea di primo livello e dei due anni del corso di laurea di secondo livello.

Ultimo aggiornamento sulle politiche europee di coesione (ETC) per Edic Terni curato da Paola Amato e Donatella Venti. 
Il lavoro specialistico è cominciato a fine 2012 durante la fase negoziale informale sui fondi strutturali e di investimento della Programmazione 2014-2020.
Nato inizialmente facendo specifico riferimento ad un piccolo territorio regionale (UMBRIA) e principalmente ai fondi di coesione (FESR, FSE), ha assunto una portata più ampia; il report fa infatti riferimento ai Fondi Strutturali e di Investimento (ESIF - fondi di coesione e fondi per lo sviluppo rurale e l’agricoltura) ed alle recenti iniziative riconducibili al Piano Juncker. Si tratta di una fonte informativa fondamentale di cui il report cerca di restituirne la generale e complessa architettura.
 

«Il Piano Juncker ha posto l'attenzione sulla capacità dell'intervento pubblico dell'Unione, nel mobilitare capitali privati stimolando pertanto la domanda reale e generando crescita e sviluppo. Al centro dell'attenzione ,gli strumenti finanziari e non soltanto le sovvenzioni a fondo perduto. Questo il focus dell'articolo che fornisce un approfondimento del ruolo, obiettivi ed attività della Piattaforma europea unica "fi.compass" e dell'uso degli strumenti finanziari, in un ambito poco conosciuto ai piu: agricoltura e sviluppo rurale. L'occasione il convegno "fi.compass" del 13 giugno a Roma.»

 

 

 

Continua lo studio delle politiche europee di coesione (ETC), curate da Edic Terni e firmato dagli architetti Paola Amato e Donatella Venti. Nel report si tratta di cooperazione territoriale: dalle euro regioni alle strategie macro - regionali europee, con particolare riferimento ai programmi Interreg 2014-2020. Un argomento specialistico, che va letto in parallelo alle altre pubblicazioni Edic ed in particolare con il documento di Paola Amato, sull'applicazione dell'articolo 7 REG. FESR in Italia.

Si tratta di "Looking for partners for Urbact III upcoming call? Have a look to designated Urban Authorities in Umbria and beyond. Some hints on the state of play of Art 7 ERDF REg in Italy". Per la call Urbact Implementation Networks, clicca invece: http://urbact.eu/open-calls-networks

 

 

...

Dopo l'aggiornamento di agosto 2015, in divulgazione il nuovo report EDIC Terni degli architetti Paola Amato e Donatella Venti, sulle politiche di coesione 2014 -2020.  Un attento approfondimento anche per i non addetti ai lavori, sulla Cooperazione territoriale Europea: "meglio nota come Interreg e che rappresenta uno degli strumenti finanziari delle politiche regionali europee e, a partire dalla programmazione 2014-2020, uno dei due obiettivi di investimento delle politiche di coesione assieme a growth and jobs. Scopo principale è facilitare/migliorare modalità cooperative superando rigidi schemi di cooperazione istituzionale tra enti di differenti livelli amministrativi ricadenti in Stati Membri, in un continente europeo sempre più connotato da sfide e problematiche comuni".

 

Le opportunità per i territori nell'ambito di Agenda Urbana, Azioni Urbane Innovative e cooperazione territoriale europea.
Nel report annuale redatto dagli architetti Paola Amato e Donatella Venti per lo Europe Direct, il quarto aggiornamento che ha seguito costantemente le principali tappe della contrattazione fra Stati Membri, Autorità di Gestione e Commissione Europea, nell'ambito delle politiche di coesione.

Scopri i servizi e l'assistenza che la rete Europe Direct offre, consultando la nuova guida Edic Terni.

Le reti dell'Europa a portata di mano
Trentotto pagine in cui trovare la risposta anche a queste domande, selezionando il servizio che meglio risponde alle proprie esigenze. E' l'opuscolo della Commissione - rivolto a cittadini ed imprese - “Servizi d'Informazione e assistenza dell'UE”, che raccoglie dati e informazioni sulle 22 reti UE che attualmente operano negli Stati membri , offrendo ciascuno un sostegno specifico o generale e settoriale.