La Commissione europea apre alla possibilità di aumentare la propria quota di finanziamento per i programmi italiani che utilizzano fondi strutturali, così come richiesto recentemente dal governo per cercare di evitare la perdita di risorse Ue non spese entro i tempi concordati. L'esecutivo "ha risposto alla lettera delle autorità italiane in cui si chiedeva la disponibilità a un possibile aumento del tasso di cofinanziamento europeo per alcuni programmi della politica di coesione in base alle regole Ue", spiega il portavoce per la Politica regionale, Johannes Bahrke. Nel breve testo spedito a Roma, "la Commissione invita le autorità italiane a inviare le richieste con le modifiche ai programmi operativi il prima possibile, così che possano essere adottate dalla stessa Commissione entro fine anno". Se approvate da Bruxelles le modifiche ai programmi citati dal governo daranno un forte contributo - senza modificare l'ammontare dell' investimento Ue - a scongiurare eventuali perdite di risorse europee (si valuta un importo che oscilla tra due e tre miliardi di euro) non spese entro il 31 dicembre 2018.
 
La lettera inviata dall'Italia una decina di giorni fa non specifica per quali programmi il governo intenda chiedere il rialzo del tasso di cofinanziamento Ue fino a un massimo dell'80% (attualmente oscilla tra il 50 e il 75% a seconda dei programmi). In ogni caso le eventuali modifiche non comporterebbero un aumento dei 44,7 miliardi di fondi europei destinati all'Italia nel periodo 2014-2020, bensì consentirebbero di ridurre il finanziamento a carico del bilancio nazionale. Il vantaggio per l'Italia, spiegano i tecnici, sarebbe quello di poter chiedere pi˘ rimborsi a Bruxelles e di conseguenza raggiungere più velocemente i target annuali di spesa di fondi Ue concordati (il nuovo tasso di cofinanziamento sarebbe operativo dal luglio 2018). Entro il 31 dicembre prossimo i 51 programmi italiani dovrebbero riuscire a spendere e certificare tra i 2,5 e i 3 miliardi.
 
Come ha ricordato anche la Commissione nella sua lettera, una legge italiana del 2015 stabilisce che le risorse nazionali 'liberate' dovranno comunque essere investite nelle stesse regioni a cui sono state tolte, seguendo i medesimi obiettivi dei fondi strutturali. Lo strumento per farlo saranno nuovi programmi operativi complementari (Poc) svincolati dal controllo e dalle scadenze di Bruxelles. Prima che tale legge venisse approvata nel 2014, si ricorda a Bruxelles, il governo Renzi finanziò sgravi contributivi alle aziende utilizzando 3,5 miliardi destinati al Mezzogiorno, frutto della riprogrammazione portata avanti nel 2012 dall'ex ministro Fabrizio Barca.
 
Fonte: ANSA

Archivio

“Horizon 2020 in Umbria - Approfondimento dei temi di ricerca e innovazione  per il nostro territorio” : è il tema dell'incontro che si terrà martedì 4 febbraio dalle ore 9 alle ore 13.30 nella Sala Sant...
"Per la prima volta a Terni si svolgerà una campagna di comunicazione istituzionale per sensibilizzare i cittadini sui temi delle elezioni del Parlamento Europeo”. Una campagna che consentirà ai cittadini ternani di conoscere...
La campagna di sensibilizzazione per le elezioni europee del prossimo mese di maggio #EP2014, realizzata da Europe Direct Terni insieme al Dipartimento di Scienze Politiche dell'Università di Perugia, sarà presentata martedì 28...
Più di duecento ragazzi delle scuole medie superiori di Terni hanno partecipato stamattina, all’auditorium di Palazzo Primavera, alla prima giornata di Cinema e Scuola. La rassegna, organizzata dall’assessorato alla cultura e alle...
Istruzione, formazione, scambi culturali, gemellaggi. Sono alcune delle opportunità offerte da diversi programmi comunitari nel campo dell’apprendimento permanente. Il principale è il Lifelong learning programme (LLP), istituito con...
Più di cento studenti delle classi che si sono aggiudicate i premi della prima edizione del social contest #Europaqui, si sono ritrovati nella sala consiliare di Palazzo Spada, per la cerimonia conclusiva del concorso, organizzato dal gruppo Aede...
Lotta alla criminalità, tutela dei consumatori, prodotti d’eccellenza, imprese al femminile: sono alcuni dei temi trattati nel secondo numero di “Una finestra sull’Europa”, l’inserto del progetto Fise, realizzato dal...
Discutere della situazione dell’Unione Europea, dei suoi problemi, delle sue prospettive, della sua possibile evoluzione, mettendo a disposizione informazioni, materiale e fornendo la possibilità di confrontarsi con tecnici, politici,...
Si è concluso nei giorni scorsi il primo social contest organizzato dal gruppo Aede di Terni (l’associazione europea degli insegnanti) in collaborazione con il Centro Europe Direct del Comune di Terni. Il concorso #europaqui era rivolto alle...
Grande partecipazione e grande attenzione dei media per “L’Europa ad Assisi, l’Europa in Umbria”, l’iniziativa voluta dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea ed organizzata da ED Umbria e ED Terni ad Assisi...
Giovedì 10 ottobre un seminario a Foligno con Regione, Università e la collaborazione dell’Edic Terni Una guida che si propone di chiarire, in maniera ampia e con l'indicazione di molti esempi pratici, le condizioni e le modalit...
Ad Assisi l’avvio del dibattito umbro sul futuro dell’Unione  ed il punto sulle nuove opportunità offerte dall’UE sul territorio. Il 18 novembre 2013 ad Assisi si svolgerà l'evento dal titolo “L’Europa...
EUROPE DIRECT TERNI DISCUSSES WITH A GEOARGIAN DELEGATION ON DECENTRALIZATION AND URBAN SUSTAINABLE PROJECTS On 14 May 2013 in frame of an EU funded initiative (European Neighboring policy) coordinated by META Group, the Europe Direct Terni (Region...
Incontro a Palazzo Spada alle ore 16 Scarica il programma
The City Council of Terni and a wide inter-regional partnership were selected as Italy’s second best in the 2010 EDEN award “acquatic tourism” and specifically lake and riverside destinations. On 7th June, Terni went a step further...