La speranza e il desiderio di ricostruire la basilica di San Benedetto possono dare un'ispirazione e una spinta per ricostruire non solo la basilica, ma l'Europa stessa”.
A dirlo è padre Benedetto Nivakoff, priore del monastero benedettino di Norcia, in una fredda mattina di febbraio, in attesa della visita del presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani.

Fino all'ottobre scorso i monaci abitavano nei locali accanto alla basilica, sopra la casa natale di San Benedetto. Dopo il terremoto tutto è cambiato anche per loro. O forse no. Ora pregano e lavorano (come sempre) appena fuori Norcia, dove già prima degli eventi sismici stavano ristrutturando una chiesa, San Benedetto in Monte. In pratica stanno costruendo un nuovo monastero. 


E’ l’unico monastero in costruzione oggi in Europa”, dice il sindaco di Norcia Nicola Alemanno. In attesa di ricostruire la basilica che da secoli caratterizza la piazza di Norcia. Oggi ne rimane in piedi, miracolosamente, solo la facciata, imbracata da Vigili del Fuoco e Protezione Civile in un fitto intreccio di tubi metallici.

Come immagina la nuova basilica, padre Benedetto?
Non si sa ancora come sarà la basilica, ma resterà sempre quella che conosciamo e amiamo da secoli, magari costruita con le tecniche più moderne per evitare che quanto è accaduto con l'ultimo terremoto si possa ripetere. L'importante è che al suo interno riconosciamo la spiritualità e la tradizione benedettine”.


San Benedetto, nato qui nel 450, resta in piedi con la sua statua candida al centro della piazza. Il 21 marzo è la sua festa. La festa del patrono d’Europa, voluto da Papa Paolo VI nel 1964, nell’auspicio che la regola benedettina dell’ora et labora potesse servire ad ispirare la costruzione di un’Europa basata non solo sul lavoro e l’economia, ma anche sulla spiritualità delle sue radici. "San Benedetto - scrisse papa Paolo VI nella lettera apostolica Pacis Nuntius - cementò quell'unità spirituale in Europa in forza della quale popoli divisi sul piano linguistico, etnico e culturale avvertirono di costituire l'unico popolo di Dio; unità che, grazie allo sforzo costante di quei monaci che si misero al seguito di sì insigne maestro, divenne la caratteristica distintiva del Medio Evo".

Padre Benedetto, oggi tutti chiedono cosa può fare l'Europa per Norcia; proviamo invece a girare la domanda: cosa possono fare Norcia e la spiritualità benedettina per l’Europa di oggi?
In quest'epoca post-cristiana la voglia di tornare a San Benedetto che tutta l'Europa sembra dimostrare, riguarda gli aspetti più esterni: la cultura, i manoscritti, tutto ciò che è stato tramandato dai monaci e dai monasteri. Però credo che ci sia anche una sete più profonda d’indagare nella storia monastica, nella figura di San Benedetto e a Norcia, sulle tracce di un senso che l'uomo in questi secoli sembra aver perso. Ovvero la comprensione che l'uomo è più grande quando ha la consapevolezza di essere piccolo, che l’uomo non è il centro del mondo, ma che il centro del mondo è Dio. Questa consapevolezza aiuta l'uomo ad essere più felice. Occorre essere dei semplici operai nella vigna del Signore, come diceva papa Benedetto XVI. Per questo è più giusto che mai che San Benedetto sia il patrono d'Europa”.

Soprattutto dopo un terremoto come quello che ha colpito l’Italia Centrale.
I monaci restano a Norcia, insieme a tanti che, con umiltà e con forza, non ne vogliono sapere di abbandonare la propria terra e le proprie radici. Per questo periodicamente i monaci - racconta il priore - con una processione per i sentieri di montagna, chiedono l'intercessione della Madonna e di San Benedetto patrono d'Europa "affinché una nuova vita sgorghi in queste città e in questi paesi millenari. Quia non est impossibile apud Deum".

Ed è, in fondo, lo stesso obiettivo che si pone, in maniera più laica, ma non meno determinata, l'Unione Europea che il prossimo 24 marzo, come ha confermato il presidente Antonio Tajani, sarà presente a Norcia per una seduta straordinaria dell'Ufficio di Presidenza e dei presidenti dei gruppi parlamentari. Per dimostrare che l'Europa non è nei palazzi, ma in mezzo ai cittadini in difficoltà. Con idee e progetti da condividere, fondi da stanziare e - magari - anche con l'aiuto di San Benedetto.

(a cura della redazione di Europe Direct Terni)

Gallery

  • Foto 1
  • Foto 2
  • Foto 3
  • Foto 4

Archivio

 Inviati dell'ANSA per un giorno: la generazione Erasmus racconta l'Europa. E' il nome del concorso giornalistico promosso dall'Agenzia ANSA, con il supporto del Parlamento europeo, destinato ai giovani di età compresa tra i...
    Sarà la prima giornata informativa e formativa a Terni su Erasmus Plus: il programma europeo integrato per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. Venerdì primo aprile 2016  ore 9-14 - alla...
In anticipo rispetto al consueto, quest'anno l'assemblea generale del Parlamento Europeo dei Giovani di Orvieto non sarà un appuntamento per le sole scuole umbre. Per la prima volta, Palazzo del Popolo accoglierà infatti la seduta...
Dal primo febbraio al cinque, in 40 paesi e in oltre 200 città, si terrà la Settimana europea delle Startup 2016, organizzata dallo Startup Europe Team in collaborazione con la Commissione europea e il Comitato delle Regioni. Innumerevoli...
  Entro fine 2016, la rete europea dei servizi pubblici per l'impiego Eures cambierà. Dopo il via libera del Coreper - Comitato dei rappresentanti permanenti dei Paesi Ue – la proposta di riforma presentata dalla commissione...
Con l'anno che sta per finire, Europe Direct Terni vi ricorda che la Commissione europea ha pubblicato per il 2016, il nuovo bando d'invito a presentare proposte per Erasmus+ (EAC/A04/2015), relativo alle tre azioni chiave del Programma, le...
Studenti, operatori delle associazioni che si occupano di cooperazione internazionale, docenti universitari, rappresentanti delle istituzioni e molti cittadini interessati all'argomento. Con questi protagonisti e con questo pubblico il Centro...
Parlare di Europa fuori dall'Europa, per capire cosa stia facendo l'UE nel campo della cooperazione per lo sviluppo. E' un altro punto di vista per avere un quadro più completo su come si sta intervenendo per cercare di colmare, o...
“L'Unione Europea è profondamente scioccata e in lutto dopo gli attacchi terroristici a Parigi. Si tratta di un attacco contro tutti noi. Affronteremo questa minaccia insieme, con tutti i mezzi necessari e con incrollabile determinazione...
All'inizio del suo mandato, il presidente Juncker disse che quello sarebbe stato un nuovo inizio per l'Europa, e che la sua Commissione si sarebbe concentrata su dieci priorità politiche, che rappresentavano le principali sfide per la...
Domani mattina, mercoledì 28 ottobre, alle ore 11, nella sede del corso di laurea in Economia, nell'ex convento di San Valentino, sarà presentato il nuovo punto informazione del Centro Europe Direct all'interno del polo...
La Commissione ha annunciato oggi che il programma Erasmus+ metterà a disposizione per l'anno 2016 2,2 miliardi di euro per dare l'opportunità a quasi 600 000 giovani di studiare, formarsi, fare volontariato o partecipare a scambi e...
Nuovo programma di lavoro per Orizzonte 2020 E' stato varato oggi come piano e per i prossimi due anni, la Commissione europea si prepara ad investire circa 16 miliardi di euro nella ricerca e nell'innovazione garantendo nuove opportunit...
Un marchio di eccellenza più che di qualità, per accrescere e far emergere al meglio i finanziamenti regionali alla ricerca. E' la nuova trovata della Commissione europea per riconoscere e finanziare meglio i progetti più...
Perché sprecare il cibo in quantità enormi, quando – allo stesso tempo – ci sono milioni di persone che non hanno da mangiare? Su questa semplice e allo stesso tempo difficilissima questione (in quanto a soluzioni) si sono...
“Don't waste your future: costruire un'alleanza europea dei giovani e degli Enti Locali contro lo spreco alimentare e per il diritto al cibo”, è il titolo dell'iniziativa che si svolgerà domani, giovedì 1...
Sabato è la Giornata Europea delle Lingue (http://edl.ecml.at/Home/tabid/1455/language/it-IT/Default.aspx) istituita nel 2001 dal Consiglio d'Europa e che si tiene ogni 26 settembre dell'anno coinvolgendo grandi e piccini, senza...
Facciamo il punto. Dopo i mesi estivi e la rendicontazione di settembre, è tempo di tirare le fila del progetto Linking Cultures 3, finanziato dal programma UE Erasmus+ e che coinvolge la città di Terni. Si tratta di un’esperienza di...
  State pensando di richiedere fondi Ue? Che tipo di sovvenzioni assegna la Commissione europea a progetti specifici? Cosa si deve fare? E quali procedure? Sabato sera, a Perugia, lo spiegheranno gli eurodeputati Laura Agea e...
Con la riapertura dell'anno scolastico si riapre il dibattito sulla necessità di integrare e migliorare il sistema dell'istruzione in Europa, per formare i giovani e renderli competitivi sul mercato del lavoro: un obiettivo...