Il mercato dell’acciaio è uno di quelli che più ha risentito dei mutamenti dell’economia mondiale degli ultimi 20 anni. Principalmente a causa di due fattori.
Il primo, di natura strutturale, è la globalizzazione, che in questo settore ha visto crescere vertiginosamente la presenza di nuovi produttori come la Turchia, la Corea del Sud, l’India e soprattutto la Cina, che da sola soddisfa più della metà del fabbisogno del pianeta.
Il secondo fattore, è l’ultima grande crisi economica, che ha fatto crollare la richiesta di acciaio di circa il 27% rispetto ai livelli del 2007.
L’unione di questi due elementi ha comportato, per il mercato di questa fondamentale materia prima, un vero e proprio choc, che consiste: in un'eccedenza produttiva, che nel 2016 ha raggiunto circa 737 milioni di tonnellate metriche (ossia il doppio della richiesta del mercato mondiale); nella caduta dei prezzi di circa il 40%; e nella conseguente perdita di 40.000 posti di lavoro. Se a questo aggiungiamo l’insorgere di pratiche protezionistiche e di dumping attuate in misura crescente a livello planetario, la crisi del comparto appare in tutta la sua gravità. 

In questo contesto si colloca la delicata vicenda della AST di TerniSenza entrare nei complessi ed incerti aspetti che concernono il ventilato passaggio dalla Thyssenkrupp a futuri proprietari, ci sembra utile inquadrare la questione in una prospettiva europeaLe istituzioni di Bruxelles, che da sempre seguono il mercato dell’acciaio, recentemente hanno intensificato la loro attenzione. A questo riguardo basti ricordare che l’Europa, con il suo 11% di produzione mondiale, rimane di gran lunga il secondo produttore dopo la Cina. Parliamo di un settore industriale che raggiunge un giro di affari di circa 170 miliardi di euro all’anno, corrispondenti all’1,3% del PIL dell’Unione europea e che dà lavoro a circa 328.000 addetti (senza contare il vastissimo indotto), che operano in oltre 500 impianti presenti in 23 paesi della UE.
Per queste ragioni la Commissione europea nel 2013 ha lanciato il Piano d'azione per una siderurgia europea competitiva e sostenibile, seguendone costantemente l’attuazione. Tra le azioni previste, il monitoraggio del settore e l’attivazione tempestiva per opporsi a pratiche sleali provenienti dall’estero. Come è il caso delle misure di salvaguardia introdotte il 19 luglio 2018 dalla Commissione per contrastare le importazioni di acciaio a basso costo provenienti da paesi terzi, intensificatesi in seguito alle scelte protezionistiche dell’amministrazione statunitense.
Ma ancora più importanti, se si guarda al futuro dell’AST, sono gli incentivi forniti dall’Unione europea per promuovere produzioni di acciaio all’avanguardia sul piano tecnologico, a basso costo energetico ed ecologicamente sostenibili. Ambiti nei quali gli acciai europei già eccellono, ma che di fronte ad una concorrenza sempre più agguerrita, devono essere ulteriormente sviluppati. 
A questo riguardo risultano centrali gli apporti che possono derivare da strumenti quali il Fondo europeo di investimenti strategici (EFSI), i Fondi strutturali e di investimento europei (SIE), quelli provenienti dal Programma Orizzonte 2020 e, ancor più specificamente, dal Fondo di ricerca per il carbone e l’acciaio e dal Progetto ULCOS sulla produzione di acciaio con bassissimi livelli di Co2. Tutti strumenti che possono essere utilizzati o sono appositamente concepiti per promuovere l’eccellenza nella produzione di acciaio e derivati.
E’ su questi campi che si gioca, soprattutto su scala europea, la principale battaglia per la sopravvivenza e lo sviluppo degli impianti industriali del settore.
Questa direzione, d’altronde, è stata già intrapresa dalla ThyssenKrupp, che ha presentato il progetto “ThyssenKrupp Sustainable Technologies RDI” approvato dalla Banca europea par gli investimenti nel maggio del 2017 per un ammontare complessivo di 1.080 milioni di euro. Sarebbe interessante sapere quanto di questi finanziamenti sia stato utilizzato per innovare gli impianti ternani.

Intervento del prof. Fabio Raspadori - Dipartimento di Scienze Politiche - Università degli Studi di Perugia
nell'ambito del Progetto FISE (Finestra sull'Europa) UniPG/Europe Direct Terni.

 

Archivio

Sai che in Europa, ci sono oltre 2 milioni di posti di lavoro non occupati, per mancanza  di professionalità scientifiche e tecnologiche? Tanto per farsi un'idea, un dato che corrisponde a 25 stadi vuoti. Da questa cifra, incrociata...
Un'occasione per riappropriarsi di una parte importante della memoria storica della città e anche per capire come funzionano i finanziamenti europei, in particolare come vengono impiegate le risorse del Por-Fesr: venerdì 27 maggio,...
Dal 1300 Palazzo Carrara non ha mai smesso di avere una sola ed unica identità. Dietro una stessa facciata, altre mille facce che l'hanno visto dimora residenziale prima, sede municipale e biblioteca comunale poi. Ed ora, dopo sette secoli...
Partendo dai risultati dell'Indice di digitalizzazione dell'economia e della società dell'UE pubblicato a febbraio, oggi la Commissione pubblica la relazione sulla performance digitale degli Stati membri dell'UE.La Commissione ha...
La Commissione europea ha pubblicato oggi la relazione sull’applicazione della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea nel 2015. Il documento offre una panoramica del modo in cui i diritti fondamentali sono stati applicati in una...
   La Commissione europea ha aperto una nuova inchiesta «sulle importazioni di prodotti piatti, in acciaio laminato a caldo, provenienti dalla Cina». Un'ulteriore indagine per tentare di ristabilire eque condizioni di scambio...
Dopo la festa multietnica con cui si è aperta la manifestazione e la consueta Giornata europea della Scuola, ora tocca ad "Io sono l'Europa", l'evento cardine del "Maggio d'Europa" Europe Direct Terni...
"La pace mondiale non potrà essere salvaguardata se non con sforzi creativi, proporzionali ai pericoli che la minacciano" – così ha esordito Robert Schuman, allora ministro degli esteri francese, nella dichiarazione del 1950...
Parlare d’Europa, della sua storia, della sua identità sempre più in discussione, delle sue crisi, del suo futuro e delle sue opportunità. Sono gli obiettivi del “Maggio d’Europa”, il calendario d’...
  Educare alla legalità, come una vera e propria materia. Al di là di cattedre e dei voti. Per farlo, a Terni è venuto anche l'Anac: l'Autorità nazionale anticorruzione. Ospite dell'Istituto Tecnico...
  Europeana è la grande biblioteca digitale europea.  «Una Wikipedia culturale d'Europa» che dal 2008 raccoglie oltre 50 milioni di libri, dipinti, film, oggetti museali, fotografie e documenti d'archivio...
    Grazie ad Erasmus Plus, lo scambio tra Terni e Reims (Francia) si consolida con un certificato professionale europeo     La mobilità professionale europea anche a Terni Una malta diversa dal solito, che amalgama l...
«Dal 1987, la parola Erasmus non solo è entrata a far parte del linguaggio universale europeo, ma è divenuta sinonimo di una certa gioventù. Sempre in movimento e cosmopolita, che a Roma come a Parigi, Madrid o Berlino sceglie...
Finalmente arriva anche a Terni l’Infoday europeo su Erasmus+ il programma integrato per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport dell'Unione. L'appuntamento è domani, venerdì primo aprile al Caos...
Il primo aprile dalle 9 alle 14 è in programma a Terni un infoday su Erasmus +, il programma europeo integrato per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. La giornata informativa e formativa è...
Torna Cinema e Giovani dal 15 al 18 marzo al Caos-Centro Arti Opificio Siri, organizzato dal Centro Europe Direct Terni, Cinema e Scuola in collaborazione con l’AEDE (associazione europea degli insegnanti) ed il dipartimento promozione sistema...
Dopo cinque giorni di dibattiti, incontri e confronti si conclude oggi ad Orvieto, la trentasettesima seduta nazionale del Parlamento europeo dei Giovani. Per la prima volta in Umbria, l'associazione PEG (Parlamento europeo dei giovani) ha accolto...
 Inviati dell'ANSA per un giorno: la generazione Erasmus racconta l'Europa. E' il nome del concorso giornalistico promosso dall'Agenzia ANSA, con il supporto del Parlamento europeo, destinato ai giovani di età compresa tra i...
    Sarà la prima giornata informativa e formativa a Terni su Erasmus Plus: il programma europeo integrato per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. Venerdì primo aprile 2016  ore 9-14 - alla...
In anticipo rispetto al consueto, quest'anno l'assemblea generale del Parlamento Europeo dei Giovani di Orvieto non sarà un appuntamento per le sole scuole umbre. Per la prima volta, Palazzo del Popolo accoglierà infatti la seduta...